Magazine / aprile 2021


Analisi composizione corporea

Essendo il nostro corpo una macchina sofisticata, la sola determinazione del peso corporeo non è sufficiente per stabilire lo stato di benessere; anche il tessuto muscolare e adiposo svolge un ruolo importante.

Per capire che cos’è la Bioimpedenziometria o BIA è necessario suddividere il nostro corpo in 3 parti: il tessuto adiposo, muscolare e l’acqua. Questi tre elementi sono in grado di condurre la corrente elettrica in modo diverso.

Il grasso condurrà la corrente elettrica in modo meno rapido rispetto ai muscoli e questi ultimi ancora meno rispetto all’acqua. Facendo passare una corrente elettrica a bassissima intensità e misurando la sua capacità di attraversare il nostro corpo, possiamo risalire alla composizione corporea di qualunque essere umano.

Inoltre, utilizzando della corrente elettrica con due frequenze diverse, si è in grado di determinare l’acqua presente all’interno e all’esterno delle cellule e la quantità dei relativi sali in essa contenuti come il potassio e il sodio, fondamentali per la vita umana.

La raccolta di tutti questi dati ci permette di capire, se una persona è in uno stato di benessere oppure no. Infatti, a parità di peso, un soggetto, che presenta una maggiore quantità di massa magra rispetto a quella grassa, sarà un soggetto “in forma” rispetto ad una persona con una più elevata quantità di grasso distribuito soprattutto a livello addominale. Quest’ultima sarà più esposta a rischio di malattie come l’ipertensione, il diabete, le dislipidemie e la sindrome metabolica.

Tra i vari elementi, che possono essere rilevati, vi è anche il grado di idratazione del nostro corpo. Un buono stato di idratazione renderà più facili i processi e gli scambi metabolici con un conseguente migliore stato di benessere. Un’ultima informazione: è un esame non invasivo, infatti si esegue mediante l’applicazione di quattro cerotti, che fungono da elettrodi, ed è privo di dolore. Non ci resta, a questo punto, che augurarvi un buon esame!